AVVISO IMPORTANTE
Si avvisano gli utenti che il sito web del distretto della Corte d'Appello di L'Aquila è in fase di aggiornamento.


News e Comunicati

12/02/2019 - protocollo PCT e udienza

si pubblica il protocollo sottoscritto il 5.2.2019

protocollo PCT e udienza

04/02/2019 - INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO 2019

SI PUBBLICA DI SEGUITO IL TESTO DELLA RELAZIONE SULL'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA

Relazione AG 2019

04/02/2019 - PROCURA GENERALE AQ udienze febbraio 2019 aggiornamento

si comunica il seguente aggiornamento: Giovedì 28.2.2019 Udienza Corte di Appello Dott. Carlo Paolella

21/01/2019 - PROCURA GENERALE AQ, udienze febbraio 2019, cambio di udienza

 Come richiesto dalla Procura Generale si rende noto il seguente cambio di udienza  6.2.2019: dott. Alberto SGAMBATI 25.2.2019: dott. Piet... [ Leggi tutto ]

18/01/2019 - PROCURA GENERALE AQ, udienze febbraio 2019, ordine di servizio

si pubblica come richiesto dalla Procura Generale

PROCURA GENERALE AQ udienze f...

30/11/2018 - protocollo per la gestione delle udienze penali, aggiornamento 30 novembre 2018

Su disposizione della Presidenza della Corte di Appello si pubblica l'ulteriore addendum al protocollo in oggetto. Segue quanto già pubblicato... [ Leggi tutto ]

protocollo penale
fase appello
fase cassazione
addendum 23 10 2018
addendum corte aq

21/11/2018 - elezioni regionali 10 febbraio 2019, nomina presidenti di seggio

Nella previsione delle votazioni del giorno 10 febbraio 2019, si rende noto che è possibile segnalare la propria disponibilità all'incar... [ Leggi tutto ]

11/09/2018 - Corte, Tribunale Sorveglianza, Trib. Vasto, bandi per la selezione di candidati a tirocinio formativo

   In allegato i bandi in oggetto per la selezione di candidati a tirocinio formativo ex art. 73 dl.69/2013

corte aq tirocinii
trib sorv tirocinii
bando trib vasto

08/08/2018 - AVVISO del Commissariato per il riordino degli usi civici in abruzzo

SI AVVISA CHE SONO STATE RIPRISTINATE LE LINEE TELEFONICHE NELL'ATTUALE SEDE DEL COMMISSARIATO PER IL RIORDINO DEGLI USI CIVICI IN ABRUZZO, AL TERZO P... [ Leggi tutto ]

24/04/2018 - CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Decreto ministeriale 23 febbraio 2018 Adozione del Codice di comportamento dei dipendenti del Ministero della giustizia

MOD-BP

20/02/2018 - Collegio Regionale di Garanzia, elezioni 2017, aggiornamento

  Il Collegio Regionale di Garanzia Elettorale, per l’anno 2017, sarà chiamato ad esaminare le dichiarazioni ed i rendiconti dei ca... [ Leggi tutto ]

zero spese
modello rendiconto

30/01/2018 - trasloco dell'ufficio del GIUDICE di PACE di L'Aquila in via pile 6

Si comunica che dal giorno 2 febbraio 2018 l'Ufficio del Giudice di Pace di L'Aquila sarà operativo presso i locali di via pile n°6 - L'Aqu... [ Leggi tutto ]

21/04/2016 - "Legge Pinto", Fattura Elettronica, indicazioni, aggiornamento 21 aprile 2016

Si pubblica in allegato la dichiarazione da rendere ai fini del disposto pagamento, nei casi di beneficiari aventi titolo alla riconosciuta equa ripar... [ Leggi tutto ]

fattura elettronica
dichiarazione aggiornata

07/08/2013 - MODALITA' DI RICHIESTA E RITIRO DEL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE

Si ricorda che ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. 445 del 28.12.2000, è possibile presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione (aut... [ Leggi tutto ]

tassa abilitazione
modello richiesta rilascio certificato

News dal mondo del Diritto

  • 25/01/2013 - GIUSTA CAUSA E GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO  NELLA RIFORMA DELL'ARTICOLO 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI: IL FATTO NELLA CONFIGURAZIONE DELL'INADEMPIMENTO (Relazione tenuta dal Dott. Franco Di Pietro al corso di formazione decentrata sulla "Riforma Fornero" - Pescara, 11.1.13)

  • 25/01/2013 - Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo nella riforma dell’art.18 (Relazione tenuta dalla Dott.ssa Annalisa Di Paolantonio al corso di formazione decentrata sulla "Riforma Fornero" - Pescara, 11.1.13)

  • 25/01/2013 - Le problematiche connesse con il nuovo rito per i licenziamenti (Relazione tenuta dal Dott. PAOLO SPAZIANI al corso di formazione decentrata sulla "Riforma Fornero" - Pescara, 11.1.13)

  • 25/01/2013 - "LA RIFORMA FORNERO": REPORT ( A CURA DELLA DOTT.SSA T. MARGANELLA) DEL CORSO DI FORMAZIONE DECENTRATA tenutosi  a Pescara l' 11.1.13

  • 16/12/2012 - Cass. Civ., Sez. III, sentenza 4 dicembre 2012 n. 21725 (Pres. Massera, rel. Cirillo) Disservizi dell’Amministrazione Giudiziaria – risarcibilità del danno cd. da “perdita del tempo libero dell’Avvocato – Esclusione – Diritto cd. immaginario. Il danno da “perdita del tempo libero” - subito dall'Avvocato per i disservizi dell'amministrazione giudiziaria - non è risarcibile ai sensi dell'art. 2059 c.c. Poiché l'Avvocato è un libero professionista, può ben scegliere e decidere la quantità di impegni che è in grado di gestire in modo ragionevole; ossia egli può dosare, con adeguata organizzazione professionale, ed avvalendosi dell'opera di collaboratori, il giusto equilibrio tra lavoro e tempo libero. I costi che sarà chiamato a sostenere saranno posti, entro i limiti previsti dalle tabelle professionali, a carico del cliente. Il tempo libero, comunque, non costituisce, di per sé, un diritto fondamentale della persona tutelato a livello costituzionale e ciò per la semplice ragione che il suo esercizio è rimesso alla esclusiva autodeterminazione della persona, che è libera di scegliere tra l'impegno instancabile nel lavoro e il dedicarsi, invece, a realizzare il proprio tempo libero da lavoro e da ogni occupazione. Trattandosi di un “diritto immaginario” esso non può essere fonte di un obbligo risarcitorio. (Nel caso di specie, un Avvocato aveva citato dinanzi al Tribunale di Milano il Ministero della Giustizia per ottenere il risarcimento del presunto “danno al riposo” e al “benessere” avanzato per il fatto di aver dovuto lavorare per anni in una situazione di grave carenza organizzativa della giustizia a causa dei sistematici disservizi degli uffici di cancelleria e degli ufficiali giudiziari. Il Tribunale di Milano e la Corte di Appello di Milano avevano rigettato la domanda. La Cassazione conferma).